Come fare per


RILASCIO CERTIFICATO DEL CASELLARIO GIUDIZIALE

COS'E'

Il servizio consente il rilascio al soggetto richiedente dei seguenti certificati:

Certificato Generale: contiene tutte le restrizioni penali e civili o i decreti penali divenuti irrevocabili emessi dal Giudice nei confronti di una persona;

Certificato Penale: contiene i provvedimenti penali di condanna divenuti irrevocabili (oggetto di sentenza passata in giudicato) a carico di persone di età superiore ai 14 anni;

Certificato Civile: contiene i provvedimenti relativi alla capacità della persona (ad es. interdizione giudiziale, inabilitazione, interdizione legale, etc.). Tali certificati sono richiesti per usi amministrativi di diversa natura ma anche per venire a conoscenza dei provvedimenti definitivi a proprio carico.


CHI

Possono richiedere il certificato:

  • l’interessato o un suo delegato.

COSA OCCORRE

È necessario presentare la seguente documentazione:

  • Modulo C2 per la richiesta compilato, reperibile sul sito internet della Procura o presso l’Ufficio del Casellario;

Per utenti di nazionalità italiana:

  • documento di riconoscimento del richiedente;

Per utenti stranieri:

  • carta d’identità o Passaporto (in caso di primo ingresso);
  • permesso di Soggiorno;

In caso di delega, compilare il modulo X1 e allegare:

  • documento d’identità del delegato;
  • fotocopia fronte/retro di un documento di riconoscimento del delegante.

 

 


DOVE

Casellario giudiziale (Via Accademia dei Pellegrini n. 16, piano terra)


COSTO

Per il rilascio del certificato Penale, Civile e Generale:

  • 1 imposta di bollo di € 16,00;
  • 1 marca per diritti di certificazione da € 3,84 se il certificato è richiesto senza urgenza;
  • 1 marca per diritti di certificazione da € 7,68 se il certificato è richiesto con urgenza;

Nei casi di seguito specificati il rilascio è gratuito:

  • certificato richiesto per esibizione nelle controversie di lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria (art. 10 L. 533/73);
  • adozione, affidamento di minori e affiliazione (art. 82 L.184/83);
  • domanda di riparazione dell’errore giudiziario (art. 176 disp. att. c.p.p.);
  • certificato da produrre in un procedimento nel quale la persona è ammessa a beneficiare del gratuito patrocinio (art. 18 D.P.R. 115/2002).

Sono invece esenti da bollo ma non da diritti tutti i certificati ad uso: elettorale, emigrazione, sussidi, partecipazione a concorsi, associazione a Onlus, assegni familiari ed altri usi specificamente indicati nel D.P.R. 26/10/1942 n. 642.


TEMPISTICA*

3 giorni senza urgenza; 1 giorno con urgenza.

*salvo casi eccezionali